TOM VIALLE – Interview with the Supercross Champion

Scritto mercoledì 15 Maggio 2024 alle 06:40.

Tom Vialle parla del suo titolo Supercross, dei giochi mentali di Deegan e del suo percorso verso il National. Che anno è stato finora per il talento francese, Tom Vialle: sa sicuramente come consegnare titoli. Dopo aver vinto due titoli del Campionato del mondo MX2, ora ha aggiunto un titolo 250SX al suo CV.
Vialle ha parlato ai media dopo aver conquistato il suo primo titolo SX nel fine settimana…

Se il tuo piano fosse imparare nel tuo anno da rookie, poi diventare campione SX nel secondo anno…

Non so se puoi dirlo. Ovviamente è fantastico poter imparare il primo anno e vincere il secondo, ma onestamente non me lo aspettavo davvero. Il mio obiettivo era quello di essere costante per tutta la stagione e, ovviamente, di poter lottare per la vittoria. Dopo la mia vittoria a Daytona e dopo aver vinto di nuovo a Birmingham mi sono detto “ok, posso lottare per un titolo” e alla fine l’ho fatto. È davvero incredibile. Mi sono sentito davvero bene per tutta la stagione, molto meglio dell’anno scorso. L’anno scorso ho faticato molto e quest’anno mi sono divertito molto di più, quindi è stato pazzesco.

Sulla gestione delle tue emozioni durante il round finale e dopo la sua pessima scelta del cancello…

Ho avuto una buona giornata con alcuni buoni giri nel pomeriggio. Mi sentivo bene. Ho avuto una brutta partenza nella gara di qualifica e la pista era davvero fangosa perché siamo stati i primi a guidarla. Era unto, scivoloso e ho faticato parecchio. Penso di essere arrivato 8° o 9° e non è stato grandioso, non sono riuscito a superare nessuno. La pista era complicata e per la finale avevo ottenuto qualcosa come il 18° posto in griglia; è stato davvero brutto. Ero davvero messo all’esterno e al pannello dei 30 secondi mi sono detto che dovevo davvero fare una buona partenza ed è quello che sono riuscito a fare. Ero 5° o 6° all’inizio della gara e dal secondo giro ho visto che Haiden era in testa. Da lì sapevo che non avrei potuto commettere errori perché dovevo finire 10° o 11° per aggiudicarmi il titolo se avesse vinto. Ero un po’ stressato durante la finale, non volevo commettere errori, ma ci sono riuscito bene.

Sui giochi mentali di Deegan…

Sapevo benissimo che Haiden avrebbe cercato di destabilizzarmi fin dal giorno della stampa, ma lo capisco. Nella sua posizione, probabilmente avrei fatto la stessa cosa. Haiden è ancora giovane, guida davvero bene e ha guidato davvero bene tutto il giorno. Ha cercato di turbarmi un po’, ma non posso biasimarlo perché probabilmente avrei fatto la stessa cosa. Quando sei secondo, quando punti al titolo, è così. Ci alleniamo davvero duramente tutto l’anno per questo, quindi onestamente posso capire perché lo ha fatto.

Confrontando il tuo titolo SX con i tuoi titoli mondiali MX2…

Sì, penso che stasera mi abbia aiutato un po’. Questo titolo è stato più difficile da vincere rispetto a quelli del Campionato del Mondo MX2. Principalmente perché è solo la mia seconda stagione in Supercross e sento di avere ancora molto da imparare perché sto ancora imparando di più da ogni gara. Nei GP avevo il controllo, sapevo cosa stavo facendo un po’ di più quando eravamo nel Motocross, mi sentivo più sicuro ed è anche un campionato che si disputa su 20 eventi. Qui è molto più breve quindi non puoi davvero permetterti errori. Quindi direi che è stato più difficile vincere questo titolo rispetto a quelli vinti in Europa.

In viaggio verso l’ AMA National.

Onestamente, e non so davvero perché, l’anno scorso ho faticato molto all’inizio dell’outdoor. Lì, qualche settimana fa, ho fatto qualche giorno di Motocross – non volevo cambiare troppo la mia disciplina per concentrarmi sul Supercross, ma abbiamo comunque corso – e mi sono sentito molto meglio rispetto all’anno scorso, quindi non vedo l’ora di farlo. Gareggiare all’aperto. Non lo so davvero, ma dopo il Motocross des Nations dell’anno scorso – dove ho guidato davvero bene – mi sento molto meglio con il Motocross. Il setting della moto è a posto quindi non vedo l’ora di essere a Pala tra due settimane e penso che sarò molto meglio rispetto allo scorso anno.

Sui tuoi progetti per il futuro.

Ad essere onesti, non lo so davvero. Cerco di concentrarmi su ogni campionato. Non lo so davvero, penso che ci siano state modifiche ai regolamenti? Se non vinco l’anno prossimo, penso di poter ancora guidare la 250? Se vincessi due titoli consecutivi, che è ovviamente l’obiettivo, passerei alla 450cc nel 2026.

C’è qualcuno degli attuali piloti del GP MX2 che ti ha contattato riguardo alle corse in America.

Alcuni, non tutti. Sono ancora in contatto con molti piloti in Europa e ho sentito che molti piloti del GP MX2 vogliono venire negli Stati Uniti per fare Supercross e penso che sia davvero bello ma, onestamente, non è facile. Durante le mie ultime tre stagioni nel Campionato del Mondo MX2, ho vinto due campionati e anche se non dirò che ero più veloce di tutti, mi trovavo abbastanza a mio agio nella categoria e ho vinto parecchi eventi. Tuttavia, quando sono arrivato negli Stati Uniti, è stato davvero complicato. L’anno scorso ci sono stati molti alti e bassi e dopo il primo Supercross mi chiedevo davvero se avessi preso la decisione giusta venendo qui. Era complicato. Quindi sono davvero felice che quest’anno stia andando così bene, sono ancora più motivato rispetto allo scorso anno. Ci sono tanti piloti che vogliono venire qui e se venissero sarebbe una buona cosa.

Nella tua mente sei diretto agli AMA Nationals.

Sono molto più rilassato ora che il titolo è nelle mie tasche. Ho vinto il titolo alla mia seconda stagione e ora posso davvero concentrarmi sui miei progressi all’aperto. Mi sento bene, ho fatto un buon allenamento invernale con Chase, Levi e Peter, il mio allenatore. Fisicamente mi sento bene e questo mi aiuterà durante la stagione del Motocross. Penso anche che sto guidando meglio rispetto allo scorso anno, quindi non vedo l’ora. Voglio davvero essere migliore rispetto alla scorsa stagione, perché non ero così bravo, e voglio essere in grado di cambiare le cose in questa stagione.

Se dopo il primo turno avessi pensato di poter ancora vincere il titolo…

No, dopo quell’evento mi sono detto che era finita e poi Austin Forkner è caduto nella seconda gara e siamo tornati tutti a punti. Dopo la terza gara, ero a soli 4 o 5 punti dalla prima e sono rimasto davvero sorpreso perché in seguito ha funzionato abbastanza bene per molti piloti. Penso che Haiden fosse nella mia stessa posizione, a pochi punti dal leader dopo aver saltato completamente il primo evento. È stato pazzesco perché dopo Daytona il campionato è ricominciato.

Ti aspettavi di vincere il titolo nel secondo anno…

Questo è sempre stato l’obiettivo. Nel 2022 ho vinto il mio ultimo titolo in Europa e all’inizio dell’anno non sapevo ancora se sarei venuto qui. Ho deciso dopo l’ultimo Supercross della stagione che volevo venire. Di notte guardavo le gare sul mio computer. Avevo deciso che il Supercross sarebbe stato il mio obiettivo per gli anni successivi e due anni dopo avevo già vinto il mio primo titolo, quindi è incredibile. Ho guardato Supercross per tutta la mia vita, fin da quando ero bambino, e vincere un titolo dopo due anni è pazzesco. Non so se posso dire che mi aspettavo di diventare campione così presto, ma ovviamente l’obiettivo era vincere.

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________