Jeremy Van Horebeek searching for next MXGP move

Scritto mercoledì 10 ottobre 2018 alle 09:31.

ENGLISH VERSION BELOW

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

Jeremy Van Horebeek alla ricerca della prossima mossa MXGP

Jeremy Van Horebeek, vice campione del Campionato del Mondo MXG 2014, è stato protagonista per il Team Belgium al Motocross delle Nazioni a RedBud negli Stati Uniti, ma il suo futuro sulla scena internazionale non è chiaro. Il 28enne è stato sostituito da Jeremy Seewer nel team Monster Energy Yamaha per il 2019 dopo un anno difficile in cui ha combattuto con un problema al polso destro dal secondo round a Valkenswaard. Van Horebeek non è riuscito a salire sul podio e si è classificato nono in classifica finale.

“Ero pronto per la stagione e poi ho avuto un grande incidente a Valkenswaard. Significava un infortunio abbastanza difficile con lo scafoide “, spiega. “Ho dovuto affrontare il dolore per tutta la stagione, quindi è stato difficile. Poi ho avuto la notizia dalla Yamaha che non volevano rinnovare il contratto. Mentalmente è stato difficile da ingoiare, ma ho mantenuto fede in me stesso e mi sono allenato duramente “.

Van Horebeek è stato collegato con una sella a Wilvo Yamaha e anche con Standing Construct KTM, ma ha visto quelle opportunità scomparire tra Gautier Paulin e Max Anstie. Le possibilità dell’ #89 di gareggiare nei Grand Prix ora sembrano piuttosto cupa, una situazione di cui Van Horebeek è pienamente consapevole, anche se insiste che è ancora pienamente motivato a correre davanti in MXGP.

Gautier Paulin Joins Wilvo Yamaha Official MXGP in 2019

“Non so cosa il futuro porterà”, ammette. “Cercherò semplicemente di godermi ogni singolo giorno e sessione sulla moto e vedremo. Al momento non ci sono molte opzioni, ma spero che ci saranno. Ora ho 28 anni e, se sono in forma, sono un pilota da top five. Non ho paura della mia velocità e del fatto che “ce l’ho ancora” ma è una situazione difficile nel paddock trovare un posto decente e trovare un budget per sopravvivere “.

“Spero dal profondo del mio cuore che ci sia ancora qualcuno o qualcosa che mi aiuterà. Se no … non lo so “, aggiunge.

Van Horebeek ha fatto il suo debutto in MXGP nel 2013 dopo essere uscito dalla classe MX2. Ha rappresentato il team Kawasakl Factory, ma poi si è trasferito alla Yamaha come unico pilota nel 2014: il suo migliore anno con dodici podi e la sua prima e unica vittoria nella classe regina al GP della Repubblica Ceca. Ha lottato nel 2015 quando Romain Febvre si è unito alla squadra e ha vinto il campionato nella sua prima stagione. Van Horebeek ha affrontato le battute d’arresto per infortunio e ha pubblicato altre sei presenze nelle successive tre stagioni.

‘JVH’ a malincuore ritiene che un po ‘di tempo lontano da MXGP sia una netta possibilità.

“Ho ancora molte motivazioni, ma se non riesco a trovare una squadra, allora dovrò andare al walkaway e pensare al mio futuro di più e magari fare qualcos’altro”, ha detto. “Un giorno dovrai accettare e capire che è fatto; Non voglio che sia fatto, ma non ne ho paura. Non posso farlo da solo, ho bisogno di una squadra e di persone intorno a me e se non riesco a trovarla nel paddock, allora devo andare via. Se non riesco a trovare un accordo nel campionato mondiale, dovrò smettere di correre … ma non lo voglio davvero. Spero che qualcosa si presenterà. ”

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

Jeremy Van Horebeek searching for next MXGP move

2014 MXGP World Championship runner-up Jeremy Van Horebeek will star for Team Belgium at the Motocross of Nations this weekend at RedBud in the USA but his future on the international scene remains unclear. The 28 year old is being replaced by Jeremy Seewer at the Monster Energy Yamaha team for 2019 after a difficult year where he battled with a right wrist problem from round two at Valkenswaard. Van Horebeek was unable to make the podium and classified 9th in the final standings.

“I was ready for the season and then had a big crash in Valkenswaard. It meant quite a difficult injury with the scaphoid,” he explains. “I had to deal with pain all season so it was tough. I then had the news from Yamaha that they didn’t want to renew the contract. Mentally it has been a tough one to swallow but I kept faith in myself and kept training hard.”

Van Horebeek was linked with a saddle at Wilvo Yamaha and also with Standing Construct KTM but saw those opportunities disappear to Gautier Paulin and Max Anstie. The chances of #89 competing in Grand Prix now look quite bleak, a situation Van Horebeek is fully aware of even if he insists that he’s still fully motivated to race at the front of MXGP.

“I don’t know that the future will bring,” he admits. “I will just try to enjoy every single day and session on the bike and we’ll see. At the moment there are not so many options but I hope there will be. I’m 28 now and, if I’m fit, I’m a top five rider. I’m not scared about my speed and whether or not ‘I’ve still got it’ but it is a tough situation in the paddock to find a decent spot and to find a budget to survive.”

“I hope from the bottom of my heart that there is still someone or something that will help me. If not…I don’t know,” he adds.

Van Horebeek made his debut in MXGP in 2013 after stepping out of the MX2 class. He represented the factory Kawasakl team but then transferred to Yamaha as their sole rider in 2014: his best with twelve podium finishes and his first and sole victory in the premier class in the Czech Republic. He struggled in 2015 as Romain Febvre joined the squad and won the championship in his first season. Van Horebeek dealt with injury setbacks and posted another six rostrum appearances in the next three campaigns.

‘JVH’ reluctantly feels that some time away from MXGP is now a stark possibility.

“I still have a lot of motivation but if I cannot find a team then I will need to walkaway and think about my future more and maybe do something else,” he said. “Some day you will have to accept and realise that it is done; I don’t want it to be done but I’m not afraid of it. I cannot do this alone, I need a team and people around me and if I cannot find this in the paddock then I have to walk away. If I cannot find a deal in the world championship then I’ll have to stop racing…but I don’t really want that. I hope something will turn up.”

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________