Beirer praises “perfect” team for 2018 dominance

Scritto giovedì 8 novembre 2018 alle 09:58.

Beirer loda la squadra “perfetta” per il dominio del 2018

KTM ha vinto Dakar, Enduro, Rallies, Moto3 e Moto2 Grands Prix nel 2018 ma gli sforzi della compagnia nel Campionato Mondiale FIM Motocross hanno raggiunto un livello di dominio improbabile da rivedere. Sia i titoli MXGP e MX2 che le posizioni runner-up, le corone e i Team Awards, Holeshots, i giri veloci di 19 sui 20 GP vinti nella classe regina e 17 di 20 in MX2 significa che il team Red Bull KTM ha devastato la competizione.

Il Director di KTM Motorsport, Pit Beirer, un ex vincitore del motocross, ha affermato che il set-up della factory era un “esempio di come una squadra perfetta dovrebbe funzionare”.

Ciò che è stato impressionante per il tedesco, e il management KTM, è stato il modo in cui la squadra ha gestito la tensione delle strette battaglie tra Jeffrey Herlings e Tony Cairoli, così come Jorge Prado e Pauls Jonass, anche quando entrambi i duetti si sono scontrati in pista nei Gran Premi in Inghilterra e Turchia.

Cairoli e Prado hanno operato sotto la guida di Claudio De Carli mentre il vincitori della gara di Herlings, Jonass e Motocross of Nations, Glenn Coldenhoff, è passata sotto la responsabilità di Dirk Gruebel. Nonostante le fazioni all’interno della sola tenda arancione, Beirer ha rapidamente elogiato la professionalità dell’intera unità.

“La gente parla sempre di due squadre, ma io la vedo come una grande squadra con cinque corridori”, dice. “Questi ragazzi e ragazze sono tutti così professionali; l’intera operazione è un esempio di come una squadra perfetta dovrebbe funzionare. Alla fine della giornata il motocross non è uno sport di squadra quando sei giù sulla linea di partenza, ma tutti stavano lavorando in modo fantastico in sottofondo. Abbiamo molti ragazzi coinvolti che lavorano per gli atleti e abbiamo cercato di mantenere l’ambiente neutrale e poi di tenerlo in pista. Penso che i ragazzi siano stati molto vicini l’uno all’altro due volte quest’anno e abbiamo avuto due incidenti di cui parlare nella squadra … ma anche allora ci siamo riusciti. Penso che ci sia un enorme rispetto tra i piloti e sanno che c’è solo una posizione n1. Non penso che avremmo potuto gestirlo meglio e mi rende molto orgoglioso che siano sotto un unico ombrello “.

La narrativa della Red Bull KTM è stata spettacolare nel 2018. Dalla continua eccellenza di Cairoli alla maturazione e allo sviluppo di Herlings, alla fioritura di Jonass e poi di Prado e alla consistenza di Coldenhoff, la factory ha anche perfezionato la competitività della 450 e della 250 SX -Fs con prestazioni di partenza senza precedenti. Jonass si spingerà in MXGP con una mossa “laterale” nel team Rockstar Energy IceOne Husqvarna e Coldenhoff rimarrà “arancione”, ma è entrato a far parte della squadra di Standing Construct per il 2019. La Red Bull KTM tornerà a essere una squadra di quattro piloti con un altro giovane MX2 dovrebbe essere annunciato a breve.

Quindi c’è un cambiamento in avanti per i campioni in carica, ma Beirer insiste sul fatto che l’equipaggio e la chimica che ha reso il 2018 così enfatico sono fissi e pronti per di più.

“Penso che la squadra sia forte tanto quanto l’input umano o lo sforzo dietro le quinte che ci sta dentro”, spiega. “Non possiamo pianificare le storie, ma cerchiamo sempre di impegnarci presto per i giovani piloti e poi passare i bei e brutti giorni e finalmente hai una storia. Ogni giorno devi spingere un po ‘di più della tua concorrenza; lo facciamo come una squadra e i piloti contro i loro rivali e finalmente ciò rende le nostre storie vere. Continueremo a lavorare per fare di più! “

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________

Beirer praises “perfect” team for 2018 dominance

KTM have won Dakar, Enduro, Rallies, Moto3 and Moto2 Grands Prix in 2018 but the company’s racing efforts in the FIM Motocross World Championship reached a level of dominance unlikely to be seen again. Both MXGP and MX2 titles and runner-up positions, Constructors’ crowns and Team Awards, Holeshots, Fastest laps and 19 from 20 GP wins in the premier class as well as 17 from 20 in MX2 means the Red Bull KTM team have laid waste to the competition.

KTM Motorsport Director Pit Beirer, a former motocross grand prix winner, claimed the factory set-up was an “example of how a perfect team should work”.

What was impressive for the German, and the KTM management, was how the squad managed the tension of the close battles between Jeffrey Herlings and Tony Cairoli as well as Jorge Prado and Pauls Jonass, even when both duos clashed on the track at British and Turkish Grands Prix.

Cairoli and Prado operated under the stewardship of Claudio De Carli while Herlings, Jonass and Motocross of Nations race winner Glenn Coldenhoff fell under the responsibility of Dirk Gruebel. Despite the factions within the single orange awning Beirer was quick to praise the professionalism of the entire unit.

“People are always talking about two teams but I see it as one big team with five riders,” he says. “These boys and girls are all so professional; the whole operation is an example of how a perfect team should work. At the end of the day motocross is not a team sport when you are down at the start line, but everyone was working fantastically in the background. We have many guys involved who work for the athletes and we tried to keep [the environment] neutral and then kept it on the racetrack. I think the boys came really close to each other twice this year and we had two crashes to talk about in the team…but even then we managed it. I think there is huge respect between the riders and they know there is only one No.1 position. I don’t think we could have handled it better and it makes me very proud that they are under one umbrella.”

Red Bull KTM’s narrative has been spectacular in 2018. From the continuing excellence of Cairoli to the maturation and development of Herlings, the blossoming of Jonass and then Prado and the consistency of Coldenhoff, the factory has also perfected the competitiveness of the 450 and 250 SX-Fs with unparalleled starting performance. Jonass will push-up into MXGP with a ‘sideways’ move into the Rockstar Energy IceOne Husqvarna team and Coldenhoff stays ‘orange’ but has joined the Standing Construct squad for 2019. Red Bull KTM will revert to a four-rider line-up with another MX2 youngster due to be announced imminently.

Thus there is change ahead for the reigning champions but Beirer insists the crew and chemistry that has made 2018 so emphatic is fixed and poised for more. “I think the team is only as strong as the human input or behind-the-scenes effort that goes into it,” he explains. “We cannot plan the stories but we always try to commit early to young riders and then go through the good days and bad and finally you have a story. Every day you need to push a little bit harder than your competition; we do it as a team and the riders against their rivals and finally that makes our stories. We’ll keep on working to make more!”

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________