Champions happy with improved 2018 Grand Prix track prep!

Scritto domenica 4 novembre 2018 alle 17:23.

ENGLISH VERSION BELOW

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

Champions happy with improved 2018 Grand Prix track prep

MXGP si è spostato dalla terra vulcanica dell’Argentina alla sabbia ghiacciata di Valkenswaard fino al terreno duro dell’Indonesia al mix artificiale del suolo di Imola attraverso venti round e otto mesi di gare nel 2018. Riguardi i campioni del mondo MXGP e MX2 Jeffrey Herlings e Jorge Prado hanno recentemente commentato di aver sentito che gli sforzi del promotore Youthstream per stabilire uno standard attraverso l’assoluta diversità delle piste del Grand Prix ha raggiunto un livello decente nel 2018.

Solo tre stagioni prima, i circuiti come Talkessel in Germania e Uddevalla in Svezia erano stati avvertiti dagli organizzatori per la percepita mancanza di preparazione o idoneità dei loro corsi a sostenere i Grand Prix, che spesso comporta più di due-tre classi di supporto su ogni fine settimana.

Mentre le grandi differenze culturali e le risorse dei paesi e dei club che costituiscono il calendario dei Gran Premi presentano molte difficoltà nell’assicurare la migliore forma di circuiti, i piloti come Herlings e Prado credono che il lavoro svolto dopo le prove e le qualifiche del sabato e tra le manche col margine di tempo per eseguire i lavori di riparazione era stato buono.

“Penso che la pista per la MXGP sia stata migliore molte volte”, spiega Herlings. “È la prima classe e significa che annaffiano molto per la MX2 ma per noi è fondamentale.”

In MXGP è stato oggetto di esame accurato per la diversa qualità dei corsi negli ultimi anni, in particolare nella preparazione di luoghi più vecchi e la proliferazione di salti e layout simili per le nuove strutture. Tuttavia, la varietà tecnica e le richieste delle linee sono state spesso citate come motivo per l’innalzamento dei livelli di abilità degli atleti del Grand Prix; nato su una base coerente attraverso i risultati al Motocross delle Nazioni.

“Alcune piste non ti permettono di avere … una pista fantastica”, continua Herlings. “Come Arco di Trento che è molto naturale ma è piccola e piena, fanno il massimo che hanno con quello che hanno. Con venti piste non puoi sempre avere circuiti grandi e meravigliosi. È il campionato del mondo di motocross e praticamente hai tutto sul calendario. Hai duro, sabbia, sabbia profonda, terra rossa, argilla, pietre: tutto. “

“Penso che la preparazione della pista sia stata migliore rispetto allo scorso anno”, ha detto Prado, il vincitore del titolo MX2 proprio nel suo secondo anno di Gran Premi. “A volte un po ‘troppo per noi in MX2, un po’ troppo piatte ma sicuramente per i ragazzi MXGP è perfetto! Forse abbiamo un po ‘troppa acqua ma ci si abitua dopo un paio di gare. Non puoi “gareggiare” (spingere forte n.d.r.) nei primi giri e devi prenderli un po ‘alla leggera. Nel complesso le piste sono molto migliori rispetto allo scorso anno.

Una ragione per l’aumento della diligenza e della qualità potrebbe essere attribuita all’ex pilota Rui Gonçalves. Il portoghese si è ritirato dalla competizione MXGP a tempo pieno nel 2017 ed è stato un personaggio più regolare e cruciale nel suo ruolo di consulente nella preparazione delle piste.

“Penso che stiano facendo un buon lavoro ed è importante avere un pilota come Rui”, afferma Herlings. “Era un ragazzo eccezionale, quindi sa come dovrebbe essere, ma molte volte si passa da un evento all’altro con diversi tipi di personale di pista ed è difficile per loro fare il miglior lavoro possibile; Hai una squadra diversa in Indonesia rispetto ad un posto come Assen. Spero che possano continuare a migliorare “.

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

MXGP moved from the volcanic earth of Argentina to the frozen sand of Valkenswaard to the sun-baked hard-pack of Indonesia to the artificial mix of soil at Imola through twenty rounds and eight months of racing in 2018. Respective MXGP and MX2 World Champions Jeffrey Herlings and Jorge Prado recently commented that they felt the efforts by promoters Youthstream to establish a standard across the sheer diversity of the Grand Prix tracks reached a decent level in 2018.

Only three seasons previously, circuits such as Talkessel in Germany and Uddevalla in Sweden were being warned by the organisers for the perceived lack of preparation or the suitability of their courses to sustain Grand Prix that frequently involves more than two-three support classes on any given weekend.

While the vast cultural differences and resources of the countries and clubs that constitute the Grand Prix calendar presents many difficulties in ensuring the best form of circuits, riders like Herlings and Prado believe the work done after Saturday practice and qualification and in between the motos with marginal time to carry out repair work had been good.

“I think the track for MXGP has been better many times,” opines Herlings. “It’s the premier class and it means they water a lot for MX2 but for us it is prime.”

MXGP has come under scrutiny for the varying quality of the courses in recent years, particularly in the preparation of older venues and the proliferation of jumps and similar layout for new build venues. However the technical variety and demands of the tracks has been frequently cited as a reason for the elevation of Grand Prix athletes’ skill levels; born out on a consistent basis through results at the Motocross of Nations.

“Some tracks just don’t allow you to have…a great track,” continues Herlings. “Like Arco di Trento is very natural but it is small and packed and they do the maximum they have with what they have. With twenty tracks you cannot always have awesome, wide circuits. It is the motocross world championship and you basically have everything on the calendar. You have hard, sand, deep sand, red dirt, clay, stones: everything.”

“I think the track preparation has been better than last year,” said Prado, the MX2 title-winner in just his second Grand Prix term. “Sometimes a little bit too much for us in MX2, a bit too flat but for sure for the MXGP guys it is perfect! Perhaps we have a bit too much water but you get used to it after a couple of races. You cannot ‘race’ on the first laps and have to take it a bit easy. Overall the tracks are way-better than last year.”

One reason for the increased diligence and quality could be down to former rider Rui Gonçalves. The Portuguese only retired from full time MXGP competition in 2017 and has been a more regular and crucial figure in his track preparation advisory role. “I think they are doing a good job and it is important to have a rider there like Rui,” affirms Herlings. “He used to be a top guy so knows [how it should be] but many times you move from event to event with different guys [track crew] and it is hard for them to do the best possible job; you’ll have a different team in Indonesia compared to somewhere like Assen. Hopefully they can keep improving.”

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________