EVGENY BOBRYSHEV – “Racing with Stock Engine!”

Scritto mercoledì 25 luglio 2018 alle 19:16.

ENGLISH VERSION BELOW

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

Bobryshev ha abbracciato il ruolo MXGP della BOS Suspension ma ha fame di altro

L’ex vincitore del Grand Prix Evgeny Bobryshev ha sfruttato al massimo una sfida molto diversa nel 2018 MXGP ed è stato tra i primi dieci nella squadra di BOS Grand Prix nonostante abbia sviluppato un nuovo sistema di sospensioni e utilizzato una Suzuki RMZ-450 ampiamente stock.

Il russo ha guidato una Honda nel 2011-2017 e ha preso una sella con il nuovo team francese dei Grand Prix di proprietà di Olivier Bossard al fine di evolvere il prodotto di BOS Suspension al più alto livello del motocross. “È stato un grande cambiamento per me”, dice Bobby, e dopo aver raggiunto la top ten di MXGP tredici volte in ventotto manche.

“Direi che siamo al’80% del modo lì”, ha valutato. “Il telaio sta funzionando bene, ma ci stiamo ancora adattando a molti tipi diversi di piste, dato che quest’anno non abbiamo potuto testare così tanto e non abbiamo così tante informazioni. Ogni fine settimana ci stiamo adattando e cercando di essere il più possibile confortevoli. La sospensione è buona. È sensibile, quindi abbiamo solo bisogno di testare di più. “

Bobryshev ha portato il BOS GP in gran parte da solo a causa della sfortuna dell’ex campione del mondo MX2 Jordi Tixier. Il francese guida un KTM mentre il #777 usa un Suzuki; il che significa che la squadra è un po ‘insolita in termini di set-up tecnico, ma consente all’equipaggio di ricevere un feedback ottimale per la loro tecnologia sulla sospensione.

Lo svantaggio principale di Bobryshev è stato la potenza. “Il motore è un po ‘un problema perché non sono stato in grado di iniziare bene e sto spingendo molto forte nei primi giri per prendere alcune posizioni”, ha spiegato. “A volte è impossibile essere fuori dai primi dieci, significa che è difficile tornare su. È difficile guadagnare tempo quando hai bisogno di più potenza. Per il resto va tutto bene e stiamo lavorando bene insieme perché la squadra è nuova ed è difficile fare subito un grande passo “.

Bobryshev guida una delle pochissime Suzuki in MXGP da quando il team supportato dalla factory si è tolto dai GP alla fine del 2017 (e la RM-Z è stata recentemente rimodellata). Nonostante il suo profilo e gli sforzi nel Grand Prix, non è ancora riuscito a godere del grande potere del produttore.

“Non è un motore stock, ma non è nemmeno molto lontano dallo stock; la squadra è in contatto con Suzuki, ma ci vuole troppo tempo “, dice. “Abbiamo ricevuto alcune parti, ma abbiamo bisogno di più per migliorare ed essere più competitivi. Non sono così contento di correre all’ottavo posto, anche se la competizione è forte quest’anno. Voglio essere tra i primi cinque. “

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________

Credit ‘Adam Wheeler/OTOR’

Bobryshev embracing BOS suspension MXGP role but hungry for more

Former Grand Prix winner Evgeny Bobryshev has been making the most of a very different challenge in 2018 MXGP and has been a top ten regular as part of the BOS Grand Prix team despite developing a new suspension system and using a largely stock Suzuki RMZ-450.

The Russian rode a factory Honda from 2011-2017 and took a saddle with the new French Grand Prix team owned by Olivier Bossard with a view to evolving the BOS suspension product at the highest level of motocross. “It has been a big change for me,” ‘Bobby’ says and after reaching the top ten of MXGP thirteen times from twenty-eight motos run so far.

“I’d say we are 80% of the way there,” he assessed. “The chassis is working well but we are still adapting to many different types of tracks as we haven’t been able to test that much this year and don’t have so much information. Every weekend we are adjusting and trying to get as comfortable as possible. The suspension is good. It is sensitive so we just need to test more.”

Bobryshev has been carrying BOS GP largely by himself due to former MX2 World Champion Jordi Tixier’s poor luck with injury. The Frenchman steers a KTM while #777 uses a Suzuki; meaning the team is a little unusual in terms of technical set-up but allows the crew to receive optimum feedback for their suspension technology.

Bobryshev’s main drawback has been power. “The engine is a bit of a problem because I haven’t been able to get the right start and I’m pushing really hard on the first laps to make some places,” he explained. “Sometimes it is impossible and being out of the top ten means it is hard to come back up. It is hard to gain time when you need more power. Everything is fine otherwise and we are working well together because the team is new and it is hard to make a big step right away.”

Bobryshev rides one of the very few Suzuki machines in MXGP since the factory-supported team faded away at the end of 2017 (and with the RM-Z having been recently re-modelled). Despite his profile and efforts in Grand Prix he still hasn’t been able to enjoy much sway with the manufacturer. “It is not a stock engine but it’s not far away; the team are in contact with Suzuki but it is taking too long,” he says. “We received a few parts but we need more to improve and be further up. I’m not that happy to race in eighth-ninth place even if the competition is strong this year. I want to be top five.”

________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

 
________________________________________________________________________________________________________________________