YAMAHA E KTM RISPONDONO ALLA FEDERAZIONE!!!

Scritto domenica 8 Agosto 2010 alle 16:01.

by

 

Yamaha Motor Europe e KTM  MotoSport sono rimasti delusi di apprendere dal comunicato stampa il Sabato 7 agosto della Federazione Motociclistica Italiana (FMI) , che il Team Yamaha Monster Energy Motocross di David Philippaerts e il Team Red Bull KTM di Tony Cairoli non sono stati tenuti in considerazione per la selezione finale della squadra a causa dicerte condizioni, di rappresentare il loro paese nel 2010 Motocross delle Nazioni.
 
Dopo le discussioni con la Federazione Italiana, Yamaha Motor Europe e KTM MotoSport erano disposti completamente a mettere i marchi per quanto riguarda la rappresentanza negoziale sulla maglia ufficiale della squadra italiana, siamo stati delusi nell’apprendere che il Campione del Mondo 2008 MX1-GP Philippaerts e l’attuale Campione del mondo MX1-GP Cairoli (attualmente rispettivamente al 3 ° e 1 ° in classifica per il 2010 ) sono stati eliminati dalla finale della lista. Vorremmo precisare che entrambi i piloti sono disponibili, ma la condizione della FMI è che non ci sarà nessuno spazio concesso a tutti gli sponsor e marchi di fabbrica sulla parte anteriore della maglia,questo non è accettabile per entrambi i TEAM Yamaha e KTM.L’ FMI era solo disposta a dare due spazi minuscoli sulla manica di ogni maglia, e nonostante molti sforzi da Yamaha e KTM un compromesso per uno spazio frontale non è stato raggiunto. Yamaha e KTM erano pronte ad accettare con FMI a decidere il colore di base e di aggiungere i loro propri sponsor sulla maglia, se non erano in conflitto con i partner del team già esistenti.


Le discussioni di questo tipo non sono insolite per il Motocross delle Nazioni, con molti piloti, le squadre, i marchi e le aziende rappresentate dai tre migliori piloti di ogni paese in tutto il mondo,vengono riuniti sotto un unica tenda. Per quasi tutti gli altri paesi un compromesso proposto dalla Yamaha e KTM è considerato molto accettabile per tutte le parti coinvolte. Altri paesi consentono ai piloti di utilizzare i loro abiti normali come quando corrono i GP o praticamente senza alcuna modifica.


I produttori e sponsor / partner,finanziano una intera stagione di attività agonistica nazionale e internazionale fino al Motocross delle Nazioni, questo include il personale, le infrastrutture, supporto tecnico e lo sviluppo, il tutto a costi considerevoli. A nostro parere il produttore e  sponsor devono essere visibili è un requisito necessario per consentire ai migliori atleti di continuare a rappresentare le loro squadre e soprattutto brillare e portare l’attenzione positiva per la loro nazionalità in questione al massimo livello.


Yamaha e KTM sono sinceramente dispiaciuti che entrambi i piloti top,sembrano non essere in grado di entrare nel MXON per il TEAM Italia 2010, che consideriamo un evento fantastico per il Motocross in tutto il mondo e di prestigio per tutti i partecipanti. Yamaha e KTM restano aperti ad una soluzione in modo che gli appassionati di motocross e la squadra italiana in un’epoca in cui il paese sta dimostrando di essere forte nella disciplina non verranno privati.